Fallisce lo "scippo del Michigan" da parte di Trump, gli stessi repubblicani resistono alle sue pressioni

È uno smacco per il presidente, che sta esaurendo gli ultimi tentativi di non riconoscere la vittoria del democratico

           

https://www.facebook.com/Repubblica/posts/10160807307416151

È inutile sperare in una "concessione", anche minima da parte di questo figuro. Sa benissimo che il 20 gennaio, nolente o volente, dovrà lasciare la casa bianca, ma tutto il suo show va ben oltre. Uno: ha aizzato e infuocato la sua base, ponendosi sempre di più come divinità scesa in terra (la base che lo sostiene sono fuori di testa, lo considerano seriamente il "salvatore dalla casta che domina il mondo"). Due: ha gettato discredito sul processo democratico che fa sempre bene e ha avuto la dimostrazione di come, alla fine, il partito Repubblicano non neghi la sua politica. Trump è la destra americana, l'ha fatta sua e ora la tiene sostanzialmente in scacco. Trump, in qualsiasi caso, ha già vinto abbastanza: da palazzinaro semi-mafioso e celebrità televisiva che andava pure a dare cazzotti al wrestling è diventato presidente della nazione più potente del mondo, ha fatto il bello e il cattivo tempo per 4 anni (...secondo me si è pure divertito) ed ora si è ritrovato a perdere le elezioni dopo aver preso più voti di qualsiasi altro repubblicano nella storia americana. Se non è una vittoria per un personaggio del genere, che altro può essere? Trump è il prodotto di un miracolo umano, umano perché non c'è nessun entità astratta dietro ma noi umani con le nostre manine che produciamo queste parabole. E noi italiani dovremmo saperlo bene, di questi miracoli siamo i numeri uno.


+