Anche i poliziotti a difesa della democrazia (di D. Tissone)

Le chat dei poliziotti sono “bollenti” da questo punto di vista e c’è stato un forte ricompattamento della pressoché totalità del personale. Ieri si è superato un limite, ma il buon segno sta nel fatto che la parte sana e migliore della cittadinanza, anche di chi veste una divisa, sta dalla parte della legalità e della democrazia (da HuffPost Italia)

           

https://www.facebook.com/Repubblica/posts/10161692274241151

Sono profondamente indignato per quello che ho potuto vedere dai filmati trasmessi in TV, dove una unfima minoranza (rispetto alle 700.000 persone che hanno manifestato pacificamente) composta solo da balordi (presumibilmente forse anche ben pagati , e che guarda caso , da quello che dicono i TG non sono ancora stati minimamente identificati , ma purtroppo ,e come al solito si è preferito procedere in maniera differente !!) hanno assalito con violenza tre nostri ragazzi in divisa , che stavano facendo solo il loro dovere , oltretutto anche evitando di entrare in conflitto con quel gruppo di facinorosi di provenienza assolutamente ancora ignota , ma che andrebbe accertata e perseguita in modo netto , e con assoluta severità !! ) MI ha fatto veramente male vedere quei balordi che scagliavano addosso ai nostri ragazzi oggetti , e quant'altro !! Spero con tutto il cuore che i nostri ragazzi non abbiano riportato lesioni gravi , e che possano presto tornare alla normalità. Detto ciò, pur rifiutando con forza qualsiasi forma di violenza , non mi sento minimamente di essere solidale con un sindacato che da illo tempore non ha fatto altro che intraprendere iniziative contro , e non a favore , dei lavoratori !! La nota estremamente positiva consiste nel fatto che , ringraziando.Iddio , non ci siano stati.feriti., o peggio ancora !! Mabper la CGIL , provo solamente assoluta indifferenza !!


Io ho avuto la sensazione che la polizia o parte di essa, non era decisa e determinata a fronteggiare gli squadristi fascisti. Infartti il comportamento di tanti poliziotti mi è sembrato simile a quello permissivo dei poliziotti americani durante l'assalto a Capitol Hill.
D'altronde la polizia storicamente è sempre stata dura con la sinistra e i lavoratori; e morbida con la destra.
Non dimentichiamo, altresì, che una parte della popolazione non si è vaccinata; e come tale, anche all'interno della polizia c'è una frangia, anche cospicua, che non è vaccinata.e che non si vuole vaccinare. Pertanto, quella fetta non è molto disposta a contrastare i no vax, i no poass e i fascisti; che poi sono un tutt'uno.


Bene, abbiamo appurato che in questa assurda manifestazione c'erano infiltrati fascisti, non avevo dubbi tra l'altro, in ogni discarica a cielo aperto, spuntano sempre loro, ma mi soffermerei sul resto dei partecipanti, vorrei sapere quale fosse il loro problema, il Green Pass? Se una persona normale è vaccinata, non crea nessuna obiezione, non solleva nessun problema. Per quanto mi riguarda, questi figuri, sono più vigliacchi dei delinquenti fascisti, oltre a non essere vaccinati,si nascondono dietro il problema del Green Pass, si nascondono dietro i facinorosi, ma sono più pericolosi, sono subdoli, sono la parte peggiore della nostra società. Proprio adesso che, grazie al vaccino, stiamo piano piano tornando alla normalità, loro preferiscono destabilizzare, creare confusione, vorrebbero farci tornare indietro.



Ancora con sta costituzione che ognuno porta come na coperta a coprire alcune putenda intellettive miste a prostituzione morale ed etica. L’obbligo sanitario del vaccinò è permesso dalla costituzione, come pure l’obbligo gentile che sarebbe il Pass Verde.... il problema semmai che mi porrei, e che esiste dal 2001 un continuo permettere di simulare condizioni di controllo, come la batteria dei cell che non si può togliere, telecamere ovunque con software di riconoscimento facciale gestite da chissà quali cloud come le telecamere pertinenti al codice della strada, carte d’identità sempre più sofisticate e collegate e molto altro. Li è vero il Pass verde, immuni e affini cominciano a starmi sulle palle.


Grazie per questa testimonianza dei fatti, chiara e ineccepibile da parte degli studenti romani che hanno aderito alla manifestazione di Sabato a Roma.

"COMUNICATO DA PARTE DEGLI "STUDENTI CONTRO IL GP-ROMA" SUGLI EVENTI DI IERI:

"Visto il livello infimo dell'informazione e la manipolazione della verità a cui assistiamo quotidianamente, ci teniamo a spiegare cosa è successo ieri a Roma.

Ieri pomeriggio a Roma erano previste due manifestazioni, una a Bocca della Verità e l'altra a Piazza del Popolo. Alcuni di noi studenti hanno partecipato ad entrambe, come singoli individui, senza portare striscioni o simboli identificativi. Si è scelto di aderire in questo modo perché sulle manifestazioni di ieri regnava una grande confusione: volevamo appunto evitare strumentalizzazioni.
Ebbene, Piazza del Popolo era piena come non si vedeva da tempo, c'era gente da tutta Italia. Sul palco si sono succeduti diversi interventi, di avvocati, operai, rappresentanti di polizia. Certo, era evidente che a fare da mattatore era Castellino, e la cosa generava malcontento in gran parte della piazza. La piazza infatti era formata da comuni cittadini senza appartenenza partitica scesi da tutta Italia soltanto per protestare contro il pass. Quelli di Forza Nuova erano al massimo un centinaio, su una piazza che contava almeno 70 Mila persone.
Al termine della manifestazione, il gruppo di Forza Nuova ha formato un corteo che, superando in pochi secondi una risibile resistenza da parte delle forze dell'ordine, ha assaltato la CGIL. Alcuni li hanno seguiti, ma LA STRAGRANDE MAGGIORANZA PARTE DELLA PIAZZA NON HA SEGUITO QUEL CORTEO, tanto che ad "assaltare" la CGIL (protetta da ben tre poliziotti, nonostante l'attacco fosse già stato ampiamente annunciato) c'erano solo un centinaio di persone. La stragrande maggioranza dei presenti è rimasta in piazza del popolo, ha cercato di dialogare con le forze dell'ordine dal lato di Via del Corso, chiedendo di partire in corteo in modo del tutto pacifico. Dopo ore di muro da parte delle FDO (nonché una carica immotivata e lancio di lacrimogeni contro cittadini con le mani alzate), si è costruito un corteo spontaneo che aggirando i blocchi ha raggiunto le vie del centro, dove ha sfilato pacificamente, cantando per le strade, tra gli applausi dei cittadini. Un altro corteo pacifico, separatosi dal primo corteo violento, è stato bloccato dalle FDO in via del Tritone, dove sono stati usati idranti oltre che lacrimogeni in abbondanza. Ribadiamo che i partecipanti a questi cortei non erano fascisti, ma cittadini di ogni estrazione sociale, che dal 15 dovranno esibire un lasciapassare per entrare sul posto di lavoro.
Una volta unitesi i due cortei nei pressi di Montecitorio, è sopraggiunta una spropositata forza di polizia con decine di blindati. La polizia ha caricato ripetutamente i manifestanti senza motivo, come dimostrano le decine di video che girano in rete, in cui addirittura si mostrano pestaggi di manifestanti già immobilizzati a terra. Verso le 20, Forza Nuova, di ritorno dall'assalto alla CIGL, ha raggiunto il corteo e si è gettata contro le Forze dell'ordine, causando una nuova dura repressione che ha di fatto sciolto i manifestanti.
Ci tocca leggere vergognose e strumentali prese di posizione politiche su quanto accaduto ieri, prese di posizione che come al solito mistificano gli avvenimenti per ricostruire una versione strumentale a fini secondari. Gli studenti contro il green pass di Roma NON ACCETTANO che si associ il movimento no-green pass ai fascisti, che come già accaduto nella storia vengono strumentalizzati per alimentare la tensione e screditare una battaglia sacrosanta, che tutto il movimento sta portando avanti in modo non-violento. Aderiremo allo sciopero Cobas di lunedì 11 e allo sciopero FISI del 15, per dimostrare che siamo dalla parte dei lavoratori e degli studenti, e che questa battaglia va combattuta in modo compatto contro ogni violenza, che sia di stampo fascista o governativa."

Marianna Panico, coordinamento studenti di Roma in lotta contro il Green Pass.


Non ti vaccini = non hai il lasciapassare = lo stato non ti permette di lavorare = non prendi stipendio = muori di fame = Metodo VIOLENTO, RICATTATORIO, ESTORSIVO.

La protesta cresce, ed il governo fa orecchie da mercante anche sul dissenso civile finora espresso da giuristi, filosofi, medici ed ampie percentuali del popolo italiano.

***La stampa asservita*** continua a buttare benzina sul fuoco insieme alle dichiarazioni di alcuni ministri e politici.

Ormai è chiaro che il green pass non comporta alcun vantaggio, nonostante tutto governo perdura arrogantemente nella sua posizione, violando e fottendosene, in modo palese, dei diritti fondamentali costituzionali, immodificabili ed incompromibili.

Tanto è accaduto a Roma, ove erano presenti in piazza gente normale, nonché frange della destra estrema si sono mischiate senza problemi con elementi della sinistra anarco-individualista che i pennivendoli, in mala fede, chiamano **zona grigia nopass”.

Chi da’ connotazioni fasciste, per la presenza in piazza di un certo partito con percentuali ridicole, è come lo struzzo che infila la testa sottoterra per non voler vedere la realtà, ma assai probabilmente è in malafede.

Aggiungasi la presenza in piazza di agenti provocatori mandati dai boiardi dinstato per la riedizione della strategia della tensione e degli opposti estremismi degli anni 70.

La violenza chiama altra violenza e credo si andrà in escalation.


+