'Maschio come ti chiami?': interrogatorio all'americano bendato dopo fermo per l'omicidio Cerciello

Dopo la foto dello scandalo, il video

           

https://www.facebook.com/Repubblica/posts/10159794969576151

Quando un giorno vi fermeranno per una qualsiasi cosa, vi porteranno in una caserma, vi ammanetteranno e vi benderanno in modo da non farvi capire chi (e come) c è intorno a voi. Se quel giorno malauguratamente non siete forti da reggere il confronto e sotto coercizione confessate anche ciò che non avete fatto... ecco allora quel giorno ricordatevi di quando avete detto : " hanno fatto bene".

Il ragazzo 'americano ha ucciso un carabiniere e merita di scontare la sua pena, ma cosi facendo legittimate questo tipo di comportamento con tutti. Che tral'altro non dovrebbe essere applicato neanche a un reo confesso


Qui fra i commenti vi sono esempi che dimostrano come la realizzazione di una legge, quale quella che ha introdotto il divieto di tortura, non risolve alcun problema, se poi nella vita di tutti i giorni la mentalità della gente resta quella che è. Figuriamoci il ricordo di tragedie come Bolzaneto, che interessano a pochi e non hanno il benché minimo potere di scuotere le coscienze di chi farebbe meglio a darsi ai nobili lavori della terra piuttosto che commentare una qualsivoglia notizia. I membri delle forze dell'ordine devono rispettare norme e regole di comportamento che vanno ben al di là di un "eh ma negli Stati Uniti li ammazzano direttamente per strada, e fanno bene". Per il nostro ordinamento, nessuno, neppure un Hitler moderno dovrebbe essere toccato da chi è incaricato di tutelare la sicurezza pubblica. Ed è giusto che sia così. Il resto sono solo chiacchiere da parte di chi non ha la minima idea di quello che dice. Umberto Eco caro, quanto manchi. Su Internet è pieno di bifolchi, di gretti, di ignoranti; e più sono incompetenti, più parlano di quel che non capiscono. E parlando, se la intendono, se la ridono, si fanno forza come una sorta di branco. Poveri scemi. E poveri noialtri, costretti a sopportarvi.


Ora immaginate che io sia un pluriasassino e che mi viene fatto questo secondo le leggi che vietano questi comportamenti e che i giornali pubblichino la mia faccia in questa maniera? Io gli avrei perseguitato per tutta la vita! Non si risponde mai la violenza con la violenza, ma deve pagare il conto ciò che ha fatto il soggetto solo dopo la condanna ciò che la legge sancisce e garantisce ad un soggetto privando la sua libertà, e che paghi il conto fatto non solo alle vittime ma lavorare anche nei lavori forzati tutto il giorno per pagare il conto. In Italia invece vanno a scuola, si laureano i criminali, gli trovano un lavoro, leggono libri gratis, mangiano, i carabinieri lo bendano infrangendo quel codice e della divulgazione in pasto ai media dove poi sono morti i loro due colleghi. Italia ormai è un puttanaio illogico e assurdo.



+