Caso Gregoretti, la recita da papà dell’ex ministro Salvini pronto a tutto per salvare se stesso

"Con una sceneggiata da terrone padano e 'sequestrando' persino i propri figli - anche loro! - 'per la Patria' e 'la mia Italia', Matteo Salvini ha cercato ieri di trasformare la sconfitta in vittoria" (di Francesco Merlo)

           

https://www.facebook.com/Repubblica/posts/10159794252996151

"D’altra parte, se i naufraghi recuperati dalla Gregoretti e bloccati per quattro giorni da una decisione del ministro dell’Interno, in quelle condizioni, fossero stati newyorkesi o parigini, quel ministro dell’Interno sarebbe finito in tribunale sei mesi fa.

E a nessuno di noi, ma proprio a nessuno, sarebbe venuto in mente di cominciare una discussione sul preminente interesse pubblico, sulla divisione dei poteri o sulla possibilità che tra i parigini o tra i newyorkesi vi fossero dei delinquenti, foss’anche qualche pericoloso terrorista.

Arrestatelo, se c’è, avremmo detto, ma certo con questa scusa non si possono tenere sequestrate in quelle condizioni oltre cento persone innocenti; se dovete controllare le loro identità, perché hanno perduto i documenti, potete farlo a terra, come si è sempre fatto.

Così avremmo detto, se fossero stati francesi o americani, cioè solamente un po’ più simili a noi. Ma non erano francesi né americani".

Così scrive oggi su Linkiesta.


Dovrebbe essere lui portare più rispetto ai suoi figli.
Dovrebbe provare a spiegagli lo sciacallaggio che ha fatto negli ultimi due anni sulle vite di povera gente.
Dovrebbe piegagli che ha bloccato donne e bambini in mezzo al mare in condizioni igienico-sanitario precarie mentre lui beveva mojto e si faceva giretti sulle moto d’acqua della polizia.
Spiegargli come speculava su Bibbiano mentre assaggiava i tortellini ed i culatelli e, che da quando è finita la campagna elettorale non li hai neanche più nominati quei bambini (come sostenevamo la maggioranza di noi). I spero che un giorno renderà conto della tua cattiveria.


+