Coronavirus, Beppe Sala fa mea culpa: "Milano non si ferma? Forse ho sbagliato"

Il sindaco di Milano a 'Che tempo che fa' ha detto che la campagna “Milano non si ferma” è stata un errore

           

https://www.facebook.com/Repubblica/posts/10159950604356151

Comunque, ciò che è certo è che il paese dovrà ripartire in qualche modo: fino a metà aprile, fosse anche il 20 aprile, si può ancora stare in casa (con non poche difficoltà) ma dopo inizia a diventare follia pura ! Pensare di passare l’estate in casa è roba da suicidio di massa !
In ogni modo il virus girerà ancora per svariati mesi, seppur (si spera) in maniera più esigua e meno minacciosa..cosa facciamo stiamo in casa fino alla fine dell’anno?? Tra un mese, piano piano e senza velocizzare troppo, il paese dovrà pur cominciare a riattivarsi. Ed anche il popolo ad uscire finalmente di casa.


Sono un fierissimo meridionale ma residente a Milano (dopo tanti anni fuori): prima di sputare su Sala, bisognerebbe prendere in considerazione tutto cio' che di di buono ha fatto per Milano (che e' diventata in pochi anni una citta' di respiro europeo, con trasporti all'avanguardia, progressiva digitalizzazione di molti servizi, impatto positivo assoluto su domanda e offerta di lavoro...) e ammettere che TUTTI i paesi occidentali e relativi governi / popolazioni hanno sottovalutato il problema. O veramente pensate che Felpina o qualsiasi altro al governo (destra, sinistra, centro, sud, nord, est...) avrebbe preso tali misure drastiche per Milano, rischiando giustamente una rivolta popolare, all'inizio di Marzo? Siamo seri, abbiamo toppato tutti e Sala e' l'unico che ci ha messo la faccia, sbagliando su una questione che era impossibile da anticipare con tali proporzioni.


+